FORSE IL CLUB DI CANNABIS PIÙ RINOMATO DI BARCELLONA.

    info@thehighclassbcn.com    C/ de Pujades, 147 - 08005, Barcellona, Catalogna.

CasaNotizieNotizie e tendenzeGli effetti collaterali della cannabis

Gli effetti collaterali della cannabis

Sono molti i motivi per cui la cannabis può migliorare la qualità della vita delle persone, in particolare per i malati di cancro o di malattie neurodegenerative, epilessia, dolore cronico, depressione, disturbo da stress post-traumatico o ansia. Tuttavia, come ogni sostanza chimica potente, deve essere maneggiata con cura se non si vuole incorrere in effetti collaterali indesiderati o sviluppare una condizione cronica. In questo articolo daremo un'occhiata ai possibili effetti collaterali che la cannabis può provocare: a breve e a lungo termine, positivi e negativi.

Effetti a breve termine

La natura psicotropa della cannabis è una questione che richiede un attento studio. Il tetraidrocannabinolo o THC, il cannabinoide responsabile della sensazione di "high", può causare cambiamenti momentanei nella percezione, nell'emozione e nella cognizione. Questi effetti possono portare a sensazioni di euforia, rilassamento o miglioramento della percezione sensoriale e, di conseguenza, a una migliore comprensione di qualsiasi comunicazione non verbale tra due persone, e quindi a una maggiore empatia. Tuttavia, in dosi elevate, il consumo di cannabis può anche provocare in alcune persone livelli elevati di ansia, irrequietezza o sensazione di disagio. Gli effetti psicoattivi del THC possono anche rendere difficile la concentrazione, ridurre la capacità di attenzione e la capacità di trattenere nuove informazioni.

Mancanza di ricerca

È importante ricordare che, poiché la legalità della marijuana è stata oggetto di un intenso dibattito negli ultimi decenni, la ricerca in questo campo non è stata ampia: nessuno vuole investire denaro nella ricerca di una sostanza che non può essere venduta sul mercato legale. Inoltre, i pochi test scientifici condotti sono stati finanziati principalmente da borse di studio e università e da fondi personali di singoli individui. Ciò significa che le conseguenze a lungo termine del consumo di cannabis non sono ancora del tutto note e sono necessarie ulteriori ricerche per determinarle.

Fortunatamente, c'è una marea che sta cambiando e che ha avuto un impatto sulla regolamentazione del consumo di cannabis in tutto il mondo. Ogni anno, sempre più Paesi legalizzano o depenalizzano l'uso di diversi derivati della pianta di marijuana per scopi terapeutici o ricreativi. In Spagna, ad esempio, abbiamo la possibilità di accedere a istituzioni approvate dal governo, chiamate associazioni o club della marijuana, dove possiamo consumare legalmente la cannabis. Soprattutto a Barcellona, la scena della cannabis è fiorente: la città è famosa per i suoi dispensari di marijuana e per avere uno dei migliori menu di marijuana di alta qualità grazie al suo clima ideale per la coltivazione della pianta.

Effetti a lungo termine

Ora, grazie a questo cambiamento di prospettiva, il budget investito nella ricerca scientifica sulla marijuana è aumentato considerevolmente nell'ultimo decennio e sono molte le cose che abbiamo imparato sulle implicazioni a lungo termine del suo uso.

Effetti positivi

Il lato positivo degli effetti a lungo termine della cannabis può essere visto soprattutto nelle persone che stanno attraversando una condizione di salute, come l'ansia, la depressione o il dolore cronico, poiché è stato dimostrato che i cannabinoidi possono essere di grande aiuto in queste situazioni. Può anche migliorare la qualità della vita dei pazienti oncologici, alleviando i sintomi della chemioterapia, riducendo l'infiammazione, la nausea e il vomito, e diminuendo anche la frequenza delle crisi nei pazienti con epilessia.

Effetti negativi:

Si ritiene che il consumo irresponsabile di cannabis, soprattutto durante l'adolescenza, possa avere un impatto futuro sulle funzioni cognitive come la memoria, l'attenzione e l'apprendimento. Vale la pena ricordare che l'entità e la reversibilità di questi effetti sono ancora oggetto di dibattito tra i ricercatori.

C'è anche il rischio associato a qualsiasi attività che comporti il fumo, indipendentemente dalla sostanza: i problemi respiratori. Il nostro corpo non è progettato per inalare frequentemente il fumo e l'uso prolungato o intenso di questa forma di somministrazione di cannabis può portare a problemi cronici come bronchite e irritazione polmonare.

Infine, sebbene il potenziale di dipendenza della cannabis sia generalmente inferiore rispetto a sostanze come l'alcol o gli oppioidi, il consumo a lungo termine può portare a un disturbo da uso di cannabis in soggetti predisposti. Inoltre, in alcuni casi estremi, può verificarsi una dipendenza fisica quando i nostri recettori cerebrali si abituano a ricevere periodicamente cannabinoidi da fonti esterne e diminuiscono la produzione di endocannabinoidi da parte dell'organismo. 

Nel complesso, possiamo affermare che l'uso della cannabis presenta molti vantaggi, purché sia fatto in modo responsabile. Ciò significa fare attenzione alla frequenza e al dosaggio del consumo e prestare attenzione a qualsiasi segno di possibili effetti collaterali o di dipendenza psicologica che potremmo iniziare a sperimentare. In caso di dubbi sugli effetti che la marijuana può avere sul vostro corpo, è sempre consigliabile consultare un medico. Inoltre, se si ha la sensazione di sviluppare una forte tolleranza, potrebbe non essere una cattiva idea fare una breve pausa.




Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2024 Weed Club The High Class  da PROZEUS. Tutti i diritti riservati.