FORSE IL CLUB DI CANNABIS PIÙ RINOMATO DI BARCELLONA.

NotizieNotizie e tendenzePausa di tolleranza al THC

Pausa di tolleranza al THC

Un segno del consumo pesante di cannabis è che gli effetti del THC sembrano diminuire. Non produce più la stessa euforia che produceva all'inizio e per ritrovare l'euforia bisogna consumarne di più.

Il THC è il cannabinoide responsabile dell'effetto psicotropo della cannabis. Attiva i recettori CB1 nel sistema nervoso centrale, che fanno parte del sistema endocannabinoide (ECS) del nostro corpo.

Questo sistema, scoperto a metà del secolo scorso, è regolato dai cannabinoidi propri dell'organismo (ad esempio, l'anandamide) e, naturalmente, interagisce anche con cannabinoidi esterni, come la cannabis.

La SEC svolge un ruolo fondamentale in diverse funzioni corporee, come il dolore, il sonno, l'appetito e l'umore.

Perché si sviluppa la tolleranza al THC

Il THC agisce sul SEC attivando il recettore CB1, ma quando il consumo aumenta, i recettori CB1 diminuiscono, cioè non rispondono più allo stimolo.

Recenti ricerche su questo tema hanno scoperto che i consumatori cronici non provano le stesse sensazioni di euforia e che con l'astinenza a breve termine i recettori CB1 iniziano a rimbalzare.

Si può dire che il consumo regolare e quotidiano di cannabis genera una tolleranza nell'organismo. Per eliminare la tolleranza, o ridurla, è essenziale una pausa nel consumo per consentire a questi neurorecettori di tornare disponibili.

Rottura della tolleranza

Pertanto, i ricercatori hanno concluso che quando il consumo di cannabis è molto elevato, è consigliabile fare una pausa per migliorare gli effetti e dare alla SEC il tempo di recuperare.

Questo è molto utile se si gestisce un club della cannabis, poiché con un software di gestione per cannabis club I consumatori possono essere aiutati a raggiungere un consumo responsabile.

La pausa di tolleranza è una pausa breve, di due o tre giorni, per dare al cervello il tempo di rifornire i recettori CB1. I sintomi dell'astinenza di solito non sono drammatici, quindi è relativamente facile stare per un po' senza fumare.

I sintomi di altre condizioni mediche possono essere un problema a parte se la cannabis viene usata a scopo terapeutico. In questi casi, è consigliabile consultare un medico per un farmaco alternativo e temporaneo durante la pausa di tolleranza.

D'altra parte, l'attività fisica può contribuire a eliminare più rapidamente i residui di THC ed è quindi anch'essa consigliata.

Quanto dura l'interruzione e con quale frequenza deve essere effettuata

Questo dipende dal livello di tolleranza che si ha. Qui entrano in gioco diversi fattori, come la quantità di cannabis consumata, l'intervallo di tempo tra le dosi, il DNA, ecc.

La mancanza di prove scientifiche rende difficile dare una risposta concreta, ma l'esperienza suggerisce che, per un consumatore abituale, si raccomanda una pausa di tolleranza di almeno tre giorni al mese, da effettuarsi ogni mese.

Ciò contribuisce a ridurre la tolleranza e, soprattutto, a ridurre i sintomi della dipendenza fisica.

Coloro che sono abituati a fare uso di cannabis più volte al giorno su base quotidiana potrebbero voler fare pause più lunghe, da una a due settimane o più, ma questo dipende in gran parte dalle esigenze personali e dalla risposta fisica dell'individuo alla cannabis.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2024 Weed Club The High Class  da PROZEUS. Tutti i diritti riservati.